Muffa alle pareti eliminarla definitivamente

Categorie: Etichette:
Come eliminare la muffa dai muri

La muffa, per quanto innocua possa sembrare, risulta essere un grosso problema per la casa perché rappresenta una seria minaccia alla salute di persone ed animali che ne respirano le tossine.

L’unico modo per sbarazzarsene definitivamente è utilizzare prodotti specifici e professionali.

Si può presentare come muffa bianca o muffa nera (genere Stachybotrys), la più pericolosa tra le due.

 

Per eliminarla ed evitare che ricompaia bastano due semplici passaggi:

1) PRIMA trattare la superficie con la muffa

Il primo passo consiste nel individuare tutte le superfici infette, poiché potrebbe essere cresciuta anche in altre parti della casa.
La muffa ama le superfici umide e con poca luce, ottimi posti dove guardare sono dietro mobili o divani a contatto con il muro e in generale sul soffitto di stanze umide come il bagno o dove si stendono i panni. Invece all’esterno nasce generalmente sui muri affacciati a nord.

Una volta fatto bisogna trattare la superficie con dei prodotti professionali in modo da ucciderla.

 

Il prodotto perfetto in questo caso è ALPHA DESINFECTOR di Sikkens.

ALPHA DESINFECTOR

 

Consigliamo a questo punto di indossare dei guanti e di aprire le finestre della stanza per evitare il più possibile di entrare a contatto con le spore.

 

  • Versate un po’ di ALPHA DESINFECTOR in un contenitore, ad esempio una vaschetta di plastica, e immergeteci il pennello. Successivamente spennellate uno strato abbondante (applicate due strati in caso di muffa ostinata) su tutta la superficie contaminata dalla muffa stando attenti a tenere un pezzo di carta assorbente appena sotto, così eviteremo di far cadere delle gocce lungo il muro.
     
  • Attendere circa 10-12 ore affinché il prodotto faccia effetto.
     
  • Una volta passate spazzolate per bene la zona con uno straccio leggermente bagnato, in modo da far attaccare tutta la muffa e le spore sullo straccio.
    Se rimangono ancora residui si può ripetere lo stesso procedimento aspettando almeno 6 ore tra l’uno e l’altro.

 

Consigliamo sempre di leggere attentamente la scheda tecnica di ogni prodotto in modo da conoscere cosa si sta usando.

 

2) DOPO prevenire la formazione di nuova muffa

Per proteggere la superficie e prevenire la ricomparsa consigliamo una di queste due ottime vernici anti-muffa:

ALPHA TEX SCHIMMELWEREND SF di Sikkens
SCHIMMELSCHUTZ di Herbol

SIKKENS ALPHA TEX SCHIMMELWEREND SFHERBOL SCHIMMELSCHUTZ

Questi prodotti servono inoltre per coprire eventuali macchie o segni lasciati dalla muffa.

 

Infine qualche consiglio pratico per evitare la nascita di nuove muffe in altre parti della casa:

  1. arieggiate spesso le stanze in modo da far circolare l’aria
  2. evitate il più possibile di stendere i panni all’interno
  3. utilizzate deumidificatori in caso di stanze molto umide

 

BUON LAVORO CONTRO LA MUFFA!

 

 

 

Come preparare una superficie da pitturare

Categorie:
prodotti-diluenti-per-vernici

La preparazione delle superfici da pitturare è una delle parti più importanti se si vuole ottenere un buon risultato. Infatti se effettuata male accorcia la vita della pittura o, nei casi peggiori, della superficie stessa come nel caso di lavori su muri con crepe.

Oggi vi propongo una semplice guida per preparare al meglio la superficie da pitturare.

1) SPAZZOLATURA DELLA SUPERFICIE

Il primo passo consiste nel spazzolare per bene la superficie in modo da eliminare tutte le polveri presenti. Per queste operazioni consiglio un pennello/spazzola di grandi dimensioni con setole dure in modo da penetrare a fondo ed eliminare tutti i residui che potrebbero rovinare il risultato finale.

2) VERIFICA LO STATO DELLA PRECEDENTE PITTURA

Questo passo è molto importante per una corretta presa della vernice. Infatti nel caso di vernici o smalti vecchi che si stanno staccando dalla superficie sarà necessario rimuovere tutto lo strato superficiale in modo da ottenere un piano solido e omogeneo su cui andremo a stendere la pittura.

Nel caso avessimo delle zone aggredite dalla ruggine sarà necessario eliminarla grattandola via con della carta abrasiva e poi passando uno strato di antiruggine in modo da proteggere le zone appena pulite.

Nel caso vi fosse della muffa questo articolo  vi spiegherà nel dettaglio come agire.

Una altra verifica indispensabile riguarda la natura della precedente pittura. Infatti non è sempre possibile tinteggiare una parete con due tipi di vernici differenti, come nel caso si volesse coprire della pittura a tempera con delle moderne vernici lavabili.
Consiglio sempre di chiedere al venditore quale vernice si adatta meglio alle vostre esigenze e se sarà serio e professionale vi suggerirà il prodotto migliore.

3) VERIFICA LA PRESENZA DI CREPE

Nel caso si stesse preparando un muro e presentasse delle crepe bisogna procedere alla loro stuccatura. Una volta stuccate consiglio di applicare con un pennello una mano di isolante in modo da rendere più uniforme il muro. In caso il muro presentasse numerose crepe sarà necessario passare l’isolante su tutta la parete in modo da assicurare alla pittura una presa solida e evitare che si stacchi dopo qualche settimana.

CONSIGLI UTILI

-Ricordatevi di proteggere con del nastro adesivo di carta i bordi degli infissi di porte e finestre, il battiscopa e proteggere con dei teli eventuali mobili rimasti o il pavimento in caso si voglia pitturare anche il soffitto.

-In caso si voglia pitturare la stanza con due colori differenti sarà necessario delimitare l’area da pitturare sempre con del nastro di carta in modo da evitare sgradevoli sbavature.

-In caso di ambienti molto umidi (es. bagno), prima dell’applicazione del colore, consiglio di stendere a rullo un prodotto isolante e antimuffa in modo da prevenirne la comparsa.

-Sconsiglio l’utilizzo di pitture a tempera anche se sono le più economiche, queste infatti tendono a staccarsi e sporcarsi molto facilmente. Essendo molto delicate hanno normalmente una durata minore e sarà necessario tinteggiare la parete molto più frequentemente.

PRODOTTI CONSIGLIATI

Cliccate sul nome del prodotto per poterlo vedere.

-NASTRO DI CARTA
-TELO PROTETTIVO
-CARTA ABRASIVA

Se avete dubbi o domande scriveteli qua sotto nei commenti, vi risponderò appena posso!

-Mirko

QUALE COLORE MURALE SCEGLIERE?

Categorie:
Scelta Colore murale

QUALE COLORE MURALE SCEGLIERE?

 

Sapevi che quando si sceglie un colore, ogni volta che lo si fa, soprattutto se è quello preferito, esso rivela la personalità caratteriale di colui che lo sceglie? Qualsiasi colore è portatore di uno o più significati e ci comunica un messaggio ogni volta che lo osserviamo.

Per esempio, se hai scelto il ROSSO, perché ti piace questo colore, vuol dire che sei una persona attiva, estroversa ed energetica; oppure, se hai scelto il VERDE, rappresenti stabilità, solidità ed equilibrio, come uno scoglio che anche all’onda più violenta non smuove.

 

Il colore rispecchia la personalità di chi lo sceglie e trasmette un preciso messaggio, quindi, fai la scelta giusta!

 

Per consentirti di fare la scelta giusta tra le innumerevoli varianti colore dei nostri marchi cliccka sul brand che preferisci!

 

                   

Come verniciare una ringhiera

Categorie:
pitture-esterni-Acriliche

Il balcone è una parte molto importante della casa, ed assieme ad altri fattori incide molto sulla bellezza della casa e su come si presenti all’esterno. E’ importante tenere sempre il balcone in ottime condizioni perché, oltre a renderlo più pulito e bello, permette di farlo durare nel tempo, evitando che i segni della vecchiaia si facciano vedere.

Verniciatura della ringhiera

Materiali necessari:

Carta abrasiva o spazzola in ferro
Pennelli, di varie dimensioni, meglio se a setola dura
rullo, in caso il pennello non bastasse per la superficie da verniciare
– Teli e nastro di carta, per evitare di rovinare le superfici attorno alla ringhiera
Nitro o acqua ragia e un panno pulito, per pulire il metallo prima della verniciatura
vernice anti ruggine, per evitarne la ricomparsa
Vernice protettiva resistente agli agenti atmosferici del colore desiderato

(Se voleste vedere le immagini dei prodotti basterà cliccare sul loro nome)

1)Verificare la presenza di ruggine

Prima di verniciare la ringhiera del balcone è sempre necessario controllare che non ci sia ruggine. Essa infatti anche se venisse coperta da della vernice continuerebbe a “mangiare” il metallo sottostante. Per eliminarla dal balcone basta grattarla via con della carta abrasiva o con una spazzola in ferro, stando attenti ad eliminarla tutta. Successivamente bisogna passare con un panno imbevuto di nitro o acqua ragia in modo da togliere tutte le impurità. Se vi fossero ancora traccie di ruggine difficili da togliere sarà necessario usare un convertitore di ruggine. Infine, dopo averlo fatto agire per circa 24 ore, si dovrà passare una mano di antiruggine.
Nel caso vi fossero buchi sulla ringhiera sarà necessario stuccarli con uno stucco verniciabile per metalli in modo da rendere la superficie omogenea.

2)Verniciatura della ringhiera

Ora si può finalmente passare alla verniciatura vera e propria del balcone. Non esiste una tecnica specifica per verniciarlo, l’importante è passare uno strato omogeneo spalmando per bene la vernice. Una volta asciugata sarà necessario passare una seconda mano. In caso vi fossero zone difficili da raggiungere si può utilizzare un pennello dal manico lungo.

Consigli

-Meglio evitare di lavorare in giornate piovose o nelle ore più calde, perché potrebbero rovinare la vernice facendo si che non si attacchi bene o inizi a creparsi una volta stesa
-Per evitare di sporcare consiglio di posizionare dei teli attorno alle superfici che saranno verniciate
-Consiglio sempre di usare delle protezioni come mascherine per proteggere naso e bocca, e guanti per evitare di venire a contatto diretto con le sostanze usate

In caso di dubbi o domande non esitate a scrivere un commento, vi risponderò appena posso!

-Mirko